Patrocini

 

Giuria

Giuria del 7° Premio Internazionale Arte Laguna

CURATORE DEL PREMIO

Igor Zanti
Curatore e critico d’arte

Igor Zanti è nato a Milano nel 1973. Si è laureato all’Università Statale di Milano in lettere moderne con una tesi in Storia dell’arte medievale e moderna dedicata alla pittura del secondo Quattrocento in Lombardia.
Svolge da diversi anni attività di critico e curatore di mostre d’ arte contemporanea e di arti applicate, collaborando con gallerie private, e spazi istituzionali in Italia ed all’estero. E’ curatore della Galleria Barbara Mahler di Lugano( Svizzera), del premio Arte Laguna, del premio ArtGallery, ed è consulente artistico dell’associazione culturale Undergallery di Daverio (Varese), e dell’Art Club International di Lugano. Nel 2008 ha assunto l’incarico annuale di direttore artistico del Museo del Brolo Centro di Arte e Cultura di Mogliano Veneto (TV).
Ha ideato all’inizio del 2008 il progetto New Art, New Pop dedicato alla definizione ed alla promozione del movimento New Pop in Italia. Ha curato l’edizione 2009 e 2010 del premio Ceres for Art. Nel 2010 ha assunto l’incarico di co-curatore della fiera internazionale AAM promossa da Arte Ispe dixit di Como e Ginevra. Ha curato nei primi mesi del  2011, su incarico del MAE, dell’Ambasciata di Italia in India e dell’Istituto italiano di cultura di New Delhi, la  mostra Dadaumpop, una retrospettiva sul neo pop italiano, che è stata esposta a Mumbai, a Calcutta ed a New Delhi. Collabora con Kanchi Metha, curatrice del Padiglione Indiano della Biennale di Praga e fondatrice della società Camaleont, su progetti di promozione dell’arte indiana ed italiana nei rispettivi paesi. Insegna Comunicazione visiva contemporanea e fenomenologia dell’arte contemporanea allo IED di Milano nei corsi con riconoscimento del Miur. Scrive sulla rivista Espoarte, sulle webzine Lobodilattice e collabora con la rivista InsideArt.



GIURIA

Umberto Angelini  
Umberto Angelini
Italia, Direttore Festival Uovo

Laureato in Economia con una tesi sull’economia mafiosa, è curatore, organizzatore culturale e consulente per istituzioni e aziende nel campo della creatività e della produzione artistica. È sovrintendente della Fondazione Teatro Grande di Brescia (teatrogrande.it) e direttore artistico di Uovo (uovoproject.it), organizzazione indipendente d’ideazione e produzione di progetti sulla cultura contemporanea con particolare attenzione alle performing arts
     
Belli   Gabriella Belli 
Italia, Direttrice Musei Civici di Venezia

Gabriella Belli, laureata e specializzata in Storia dell’Arte Moderna e Contemporanea, dopo un periodo di attività nella Sovrintendenza ai Beni Storico Artistici del Trentino, nel 1981 inizia ad occuparsi del progetto del museo d’arte moderna e contemporanea della Provincia Autonoma di Trento.
Da Novembre 2011 ad oggi è Direttrice dei Musei Civici Veneziani.
Dal 1989 al 2011 ha diretto il MART, Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto (Palazzo delle Albere a Trento, Casa d’Arte Futurista Depero e Mart di Corso Bettini a Rovereto).
Accanto all’attività istituzionale, ha curato più di 60 esposizioni, con particolare riferimento al futurismo e alla pittura italiana del primo ‘900.
E’ membro della Commissione Nazionale per la Promozione della Cultura Italiana all’Estero del Ministero Affari Esteri e fa parte del comitato tecnico-scientifico ministeriale per la qualità architettonica e urbana e per l’arte contemporanea del Consiglio Superiore dei Beni Culturali. Dal 2002 è Presidente dell’AMACI. Recentemente è stata nominata Cavaliere delle Arti e delle Lettere dal Ministero della Cultura francese.
     
Adam Budak  
Adam Budak 
Stati Uniti, Curatore Hirshhorn Museum and Sculpture Garden di Washington
 
Attualmente Adam Budak è Curatore Internazionale per l'Arte Contemporanea all'Hirshhorn Museum and Sculpture Garden, alla Smithsonian Institution.
Fino all'anno scorso è stato curatore per l'arte contemporanea al Kunsthaus Graz am Landesmuseum Joanneum a Graz, Austria. Si è specializzato in studi teatrali alla Jagiellonian University di Cracovia e in storia e filosofia dell'arte e dell'architettura alla Central European University di Praga. Recentemente è stato co-fondatore del programma di studi post-laurea in teoria e pratica curatoriale all'Art History Institute della Jagiellonian University a Cracovia. Adam Budak ha curato la mostra “Architectures: Metastructures of Humanity, Morphic Strategies of Exposure”, esposta al Padiglione Polacco della 9° Esposizione Internazionale di Architettura alla Biennale di Venezia, nel 2004. Ha lavorato con artisti affermati quali Louise Bourgeois, John Baldessari, Pedro Cabrita Reis, Cerith Wyn Evans e Monika Sosnowska, e ha curato diverse mostre internazionali. Adam Budak è stato co-curatore di MANIFESTA 7 (“Principle Hope”), in Trentino Alto Adige, nell'estate del 2008.
Tra le mostre recenti: “Il Grande Ritratto” di Tatiana Trouve e “The World of Gimel” di Antje Majewski (entrambi alla Kunsthaus Graz) e “Beyond. Condition of Contemporary Photography” al KUMU Modern Art Museum a Tallinn, Estonia. Attualmente sta lavorando a una mostra personale di Libia Castro e Olafur Olafsson per TENT (Rotterdam) e sta preparando la mostra della collezione per il 40° anniversario dell'Hirshhorn.
     
Cecilia Freschini  
Cecilia Freschini
Cina, Curatrice indipendente; fondatrice e direttrice di lab-Yit | the Italian Contemporary Art Platform in China

Cecilia Freschini è una curatrice indipendente che vive e lavora a Pechino da alcuni anni. Nel 2004, conseguita la laurea in Economia e Finanza Internazionale con specializzazione in arte contemporanea e mercato dell’arte, presso l’Università di Bologna, si trasferisce in Cina, dove, affascinata dall’esperienza orientale, continua a operare come intermediatrice culturale. Qui la sua ricerca si specializza nell’arte contemporanea cinese, dando esito a numerosi scambi culturali tra Cina e Occidente, in collaborazione con gallerie, istituzioni, biennali, fiere sia italiane che internazionali. I suoi scritti appaiano regolarmente su riviste, websites, libri e cataloghi d’arte sia in Cina che all’estero. Nel 2009, ha curato il Padiglione Cinese alla Biennale di Praga, col progetto “China Box”.
Nel 2010, fonda Lab-Yit | La Piattaforma per l’arte contemporanea italiana in Cina, un’organizzazione artistica indipendente che intende avvicinare e far dialogare la comunità artistica italiana con quella cinese al fine di sostenere, promuovere e dare visibilità all’arte contemporanea italiana in Cina.

 
     
Mario Gerosa  
Mario Gerosa
Italia, Caporedattore di AD, curatore digital art
 
Mario Gerosa (1963), giornalista e scrittore, si è laureato in architettura al Politecnico di Milano, con una tesi sui luoghi immaginari di Alla ricerca del tempo perduto di Marcel Proust.
A 24 anni ha vinto il Premio Pasinetti-Cinema Nuovo con un saggio sugli attori di Luchino Visconti. Ha ideato e curato le mostre “Proust au Grand Hotel de Balbec” (Palazzo Sormani, Milano), dedicata al grand hotel immaginario della Recherche, “Le camere del delitto. Gli interni mentali di John Dickson Carr” (Mysfest, Cattolica), dedicata agli ambienti dei gialli legati ai “delitti della camera chiusa, “Rinascimento virtuale”, la prima esposizione sull’arte di Second Life realizzata in un museo, allestita al Museo di Storia Naturale di Firenze. 
Tra i suoi libri, Mondi virtuali (con Aurélien Pfeffer, Castelvecchi, 2006), Second Life (Meltemi, 2007), Rinascimento virtuale  (Meltemi,2008), Il cinema di Terence Young (Il Foglio, 2009), Robert Fuest e l’abominevole Dottor Phibes (Falsopiano, 2011), Cinema e tecnologia (a cura di, Edizioni Le Mani, 2011). 
Ha insegnato Multimedia e paesaggi virtuali al Politecnico di Milano ed è membro dell’OMNSH, Observatoire des Mondes Numériques en Sciences Humaines di Parigi. 
Attualmente è caporedattore di AD Architectural Digest
     
Lina Lazaar  
Lina Lazaar
Gran Bretagna, Specialista per l'Arte Contemporanea internazionale per Sotheby's
 
Lina Lazaar ha una Laurea in Statistica e una Laurea in Storia dell'Arte, ed è specialista in Arte Contemporanea e del Dopoguerra per Sotheby's London. La sua passione per l'Arte Contemporanea Araba e Iraniana ha portato Sotheby's a svolgere le prime aste europee in questa categoria nel 2006. Da allora Lina Lazaar ha curato queste vendite ogni anno, incrementando in modo significativo l'esposizione internazionale e la discussione attorno all'arte contemporanea del Medio Oriente. Lina è redattrice associata del forum editoriale Ibraaz e membro del Middle East North Africa Acquisitions Committee della Tate di Londra.
     
 
Kanchi Mehta
India, Fondatrice e Curatore capo di Chameleon Art Projects & Editor India per Flash Art
 
Kanchi Mehta, Fondatrice e Curatrice di Chameleon Art Projects è laureata in Pittura alla Sir J.J. School of Art, Mumbai. Dopo una specializzazione in Storia dell'Arte alla Christie's Education, New York nel 2005, ha dedicato i sei anni seguenti alla conoscenza del mercato dell'arte lavorando con importanti gallerie, fiere, artisti, biennali, curatori e collezionisti in tutto il mondo.
Chameleon Art Projects è un'iniziativa volta a incoraggiare le pratiche artistiche nel mondo attraverso mostre, residenze, pubblicazioni e management degli artisti, per rinvigorire la comunità artistica con l'obiettivo di gettare basi più solide per artisti giovani e sperimentali.
Chameleon ha collaborato con diverse gallerie, curatori, residenze e pubblicazioni in tutto il mondo per incoraggiare lo scambio interculturale tra artisti emergenti.
     
Sabine Schaschl  
Sabine Schaschl
Svizzera, Direttrice e curatrice della Kunsthaus di Basel

Sabine Schaschl, nata in Austria nel 1967, ha studiato Storia dell'Arte all'Università di Vienna. Dal 2011 è Direttrice e Curatrice di Kunsthaus Baselland a Basilea. Schaschl ha curato numerose mostre internazionali come On the metaphor of growth, Cooling Out – on the paradox of feminism, The Need to Document e mostre monografiche con Omer Fast, Javier Téllez, Keren Cytter, Yael Bartana, Yang Fudong, Sofie Thorsen e Carlos Garaicoa. Come curatrice freelance ha lavorato per il Museum of Modern Art Vienna, Kunsthalle Vienna, ARCO Madrid, Alcala 31 Madrid, Shed im Eisenwerk a Frauenfeld, Frac Paca a Marsiglia e Crac Sète. E' stata eletta Curatrice Nazionale Austriaca per la terza Biennale di Cetinje/Montenegro. Schaschl scrive e pubblica regolarmente sull'arte contemporanea. Attualmente è membro della commissione artistica del Ministero Austriaco per la Cultura e l'Istruzione. E' stata insignita del Chevalier de l’ordre des Arts et des Lettres della Repubblica Francese e ha ricevuto lo Swiss Art Award. A partire dal 1 Marzo 2013 sarà Direttrice e Curatrice del Museum Haus Konstruktiv di Zurigo.
     
Felix Schober  
Felix Schöber
Germania, Curatore indipendente

Felix Schöber è curatore indipendente, lavora in particolare con l'arte contemporanea cinese e taiwanese dal 1996.
E' nato nel 1969 a Monaco, Baviera. Si è laureato a Ca´Foscari, Venezia, con una tesi sulla storia dell'arte contemporanea taiwanese, e ha proseguito con un dottorato presso la Westminster University di Londra con una ricerca sulla rappresentazione della nazione nell´arte contemporanea taiwanese. Insegna come guest lecturer presso il Sothebys Institute a Londra. A partire dal 1996 ha curato mostre, tra cui: city.nature, Masterpiece Art Center, Taipei 1996, Inhaling Space, Exhaling Time, IT Park Gallery, Taipei 1999, sichere freiheit, Lothringer13/LADEN, Monaco di Baviera 2003, taiwan art/film/video, Lothringer13/LADEN, Lothringer13/spiegel, Monaco di Baviera 2003, The Age of Transformation, MoCA Shanghai, 2006, Temple of Sublime Beauty, Made in Taiwan, Biennale di Venezia, evento collaterale, 2009, The colour is bright, the beauty is generous, Centro Pecci, Prato 2010, Future Pass, Biennale di Venezia, evento collaterale, 2011. 
     
Claudia Zanfi  
Claudia Zanfi
Italia, Storica dell’arte e cultural manager
 
Claudia Zanfi è storica d’arte e promotrice culturale. 
Si Laurea al DAMS di Bologna in ‘Semiotica dell’Arte’ con Paolo Fabbri e Umberto Eco. Si interessa di micro-geografie, culture emergenti e nuovi paesaggi.
E’ stata curatrice presso la Galleria Civica di Modena (1995-2003), con particolare attenzione alle collezioni del museo (fotografia e disegno). Ha diretto il progetto multimediale Virtual Gallery, primo portale italiano di fotografia e video d’artista, con il quale collabora alla 49° Biennale di Venezia.
Ha fondato a Milano l’organizzazione culturale aMAZElab e il Museo Diffuso- MAST (Museo d’Arte Sociale e Territoriale), che dirige dal 2000. Collabora con istituzioni nazionali e internazionali e con riviste d’arte; ha firmato testi all’interno di pubblicazioni collettive e monografiche. Promuove progetti culturali ed editoriali, prestando particolare attenzione a temi di interesse sociale e al rapporto comunità/territorio. Tra essi:  A Ticket to Bagdad; Transcrossing Memories Nicosia; Re-Thinking Beirut; Atlante Mediterraneo; Arcipelago Balkani; The Mobile Garden; Green Island, piazze, isole e verde urbano.  Ha ideato Going Public, progetto  sull’arte pubblica e la società contemporanea;  Green Island - Zona Isola Milano, progetto di riflessione sul verde urbano e la sostenibilità. E’ stata curatore associato presso ‘Arnolfini Art Center’ di Bristol per il progetto Port City (2007-2009). Dal 1999 cura l’archivio del fotografo-antropologo  Bill Owens. Ha insegnato al master in Arti Visive presso Accademia Belle Arti di Brera; è docente al Master Internazionale Urban Vision and  Architectural Design, presso Domus Academy di Milano; è visiting professor alla  Middlesex University di Londra.