Patrocini

 

Giuria

Giuria del 10° Premio Internazionale Arte Laguna

Igor Zanti
IGOR ZANTI
Italia, Curatore e Critico d'arte

Igor Zanti è nato a Milano nel 1973. Si è laureato all’Università Statale di Milano in lettere moderne con una tesi in Storia dell’arte medievale e moderna dedicata alla pittura del secondo Quattrocento in Lombardia.
Svolge da diversi anni attività di critico e curatore di mostre d’ arte contemporanea e di arti applicate, collaborando con gallerie private, e spazi istituzionali in Italia ed all’estero. E’ curatore della Galleria Barbara Mahler di Lugano( Svizzera), del premio Arte Laguna, del premio ArtGallery, ed è consulente artistico dell’associazione culturale Undergallery di Daverio (Varese), e dell’Art Club International di Lugano. Nel 2008 ha assunto l’incarico annuale di direttore artistico del Museo del Brolo Centro di Arte e Cultura di Mogliano Veneto (TV).
Ha ideato all’inizio del 2008 il progetto New Art, New Pop dedicato alla definizione ed alla promozione del movimento New Pop in Italia. Ha curato l’edizione 2009 e 2010 del premio Ceres for Art. Nel 2010 ha assunto l’incarico di co-curatore della fiera internazionale AAM promossa da Arte Ispe dixit di Como e Ginevra. Ha curato nei primi mesi del 2011, su incarico del MAE, dell’Ambasciata di Italia in India e dell’Istituto italiano di cultura di New Delhi, la mostra Dadaumpop, una retrospettiva sul neo pop italiano, che è stata esposta a Mumbai, a Calcutta ed a New Delhi. Collabora con Kanchi Metha, curatrice del Padiglione Indiano della Biennale di Praga e fondatrice della società Camaleont, su progetti di promozione dell’arte indiana ed italiana nei rispettivi paesi. Insegna Comunicazione visiva contemporanea e fenomenologia dell’arte contemporanea allo IED di Milano nei corsi con riconoscimento del Miur. Scrive sulla rivista Espoarte, sulle webzine Lobodilattice e collabora con la rivista InsideArt.

 
Miguel Amado
MIGUEL AMADO
Portogallo, Curatore senior al Middlesbrough Institute of Modern Art in Inghilterra

Miguel Amado è un curatore e critico. Attualmente è Senior Curator presso l'Istituto d'Arte Moderna di Middlesbrough, in Inghilterra. É stato curatore del Padiglione Portoghese alla Biennale di Venezia nel 2013. É stato inoltre curatore alla Tate St. Ives, in Inghilterra, e al Centro de Artes Visuais a Coimbra, in Portogallo, tra le altre istituzioni. É stato curatorial fellow per Rhizome al New Museum e all'Independent Curators International, nonché curatore in residenza presso International Studio, Curatorial Program e Abrons Arts Center a New York. Ha curato mostre e progetti per varie istituzioni ed eventi, tra cui apexart a New York, il Museo Coleção Berardo a Lisbona, Frieze Projects alla Frieze Art Fair di Londra e No Soul for Sale: A Festival of Independents per X Initative a New York e la Tate Modern di Londra. É stato docente, organizzatore di simposi, membro di giuria e ricercatore per istituzioni come l'Istituto Europeo di Design di Venezia, ARCO a Madrid, Fundación Botín di Santander e il Mondriaan Fonds di Amsterdam. É stato Editor per la rivista W-Art, è un critico per la rivista Artforum, e i suoi scritti sono apparsi anche su riviste come Flash Art e The Exhibitionist. Ha ricevuto un Master in Curating Contemporary Art presso il Royal College of Art di Londra, ed ha frequentato la Night School del New Museum di New York e l'Independent Curators International Curatorial Intensive presso il Centro Ullens per l'Arte Contemporanea di Pechino. Tra i premi, ha ricevuto il Curators Grant of the Foundation for Arts Initiatives di New York.

 
Anna Bernardini
ANNA BERNARDINI
Italia, Direttore artistico del Museo di Villa e Collezione Panza - FAI

Storica dell'arte laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Milano. Dal 2006 è Direttrice del museo di Villa e Collezione Panza a Varese che fa parte del FAI­ Fondo Ambiente Italiano; nello specifico si occupa della progettazione, organizzazione e curatela delle attività culturali, della conservazione e valorizzazione della collezione permanente del museo e della figura del collezionista Giuseppe Panza di Biumo, delle relazioni con enti pubblici e privati, di fund­raising, della creazione di relazioni e connessioni con enti nazionali e internazionali, con artisti, collezionisti, curatori e direttori di musei e dell'elaborazione e progettazione condivisa di piani ed eventi espositivi.
Tra il 2005 e il 2006 è stata consulente della casa editrice Electa Musei Mondadori e Silvana Editoriale, tra il 2002 e il 2004 ha ricoperto il ruolo di dirigente dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Varese, direttrice del Sistema Civico Museale e direttrice dei Musei Civici di Varese. Tra il 1998 e il 2001 le è stato affidato il ruolo di Conservatrice del Museo Civico d’Arte moderna e contemporanea di Varese presso il Castello di Masnago.

 
Barbara Boninsegna
BARBARA BONINSEGNA
Italia, Direttore artistico di Centrale Fies - ambienti per la produzione di performing art di Trento

Dal 1981 Direttrice artistica del festival “Drodesera”, che riunisce in uno scenario naturale mozzafiato parte più selvaggia del Trentino tutto il meglio della live-art contemporanea. Co-fondatrice della rete internazionale Città Che Danzano CQD con Hana Barata (Lisbona) e Juan Eduardo Lopez (Barcellona), che negli anni ’90 esportò in tutto il mondo il trend della danza-architettura. Nel 2005 è co/ideatrice del “Premio Internazionale della Performance”, in collaborazione con la Galleria Civica di Arte Contemporanea di Trento; nel 2007 vince un importante bando e fonda FIES FACTORY ONE, a sostegno della creazione performativa contemporanea: primo progetto italiano di cura e residenza a lungo termine per artisti under 35. Nel 2013 diventa Curatrice della piattaforma dedicata unicamente alla Performance “LIVE WORKS”, all’interno della quale cura e crea una Collezione di opere d’arte mutuate al performativo. Oggi dirige Centrale Fies, luogo aperto 365 giorni all’anno: centro di studio sui linguaggi del contemporaneo, fulcro di residenze a sostegno di artisti, luogo di sperimentazione continua che utilizza la cultura come strumento per sviluppare proposte integrate capaci di generare sul territorio, ricadute sociali, artistiche ed economiche.

 
Denis Curti
DENIS CURTI
Italia, Direttore artistico della Casa dei Tre Oci di Venezia e del Festival di Fotografia di Capri

Direttore del mensile IL FOTOGRAFO. Direttore artistico della Casa dei TRE OCI di Venezia e direttore artistico del Festival di Fotografia di Capri. Fondatore, oggi supervisor, del Master post universitario di Fotografia realizzato in collaborazione con NABA e Fondazione FORMA. Consulente della Fondazione di Venezia per la gestione del patrimonio fotografico. Cofondatore della società PICC (Photography Italian Culture Capital) www.picc-image.org Fondatore di Still – fotografia, show room e galleria. www.stillfotografia.it Dal 2005 al 2014 direttore di Contrasto – Milano e vicepresidente della Fondazione Forma a Milano In passato direttore artistico del Festival di Fotografia di Savignano sul Rubicone, della Biennale Internazionale di Fotografia di Torino. Per oltre 15 anni giornalista e critico fotografico per le pagine di Vivimilano e Corriere della Sera Esperto del mercato del collezionismo legato alla fotografia, negli anni 2002-2003 curatore delle prime aste fotografiche di Sotheby’s a Milano. Dal 1995 al 2002 direttore della Fondazione Italiana per la Fotografia. Negli anni ‘90 direttore della scuola di Fotografia dell’Istituto Europeo di Design di Torino. Curatore di mostre e rassegne fotografiche e autore di diversi libri sulla fotografia, fra questi, Collezionare fotografia del 2010 (con nuova edizione del 2013) per le edizioni Contrasto.

 
Enrico Fontanari
ENRICO FONTANARI
Italia, Urbanista, Docente di Progettazione urbanistica e del paesaggio presso l’Università IUAV di Venezia

Urbanista, docente di Progettazione urbanistica e del paesaggio nel Dipartimento di Culture del Progetto dell'Università IUAV di Venezia, svolge attività di ricerca, didattica e assistenza tecnica nei campi della pianificazione territoriale e paesaggistica, della progettazione urbana e della conservazione del patrimonio architettonico e paesistico. Per conto dell’Università IUAV, coordina gli scambi didattici e scientifici con università di tutto il mondo ed ha contribuito alla costituzione della rete universitaria europea UNISCAPE per l’applicazione della Convenzione Europea del Paesaggio. Direttore del Master in “Architettura del paesaggio e del giardino” dell’IUAV, lavora come docente anche in altri programmi didattici post-laurea nazionali e internazionali (master e dottorati). Opera in campo internazionale anche come progettista, per l'elaborazione di piani urbanistici e paesaggistici, e come consulente di vari organismi internazionali (Unione Europea, UNDP e UNESCO, World Bank e Interamerican Development Bank). In Italia partecipa a concorsi di progettazione urbana e alla redazione di piani urbanistici a diverse scale. Autore di varie pubblicazioni, ha esposto in mostre nazionali e internazionali i risultati del proprio lavoro didattico e professionale.

 
Suad Garayeva
SUAD GARAYEVA
Azerbaijan, Direttore curatoriale delle mostre e della collezione permanente di YARAT - spazio per le arti contemporanee

Suad Garayeva è Direttore Curatoriale di YARAT Centro d'Arte Contemporanea, responsabile della collezione permanente e del programma di mostre temporanee di YARAT. In precedenza ha lavorato come curatore e specialista di Arte Contemporanea della Russia e della Comunità degli Stati Indipendenti a Sotheby's, Londra. Nel 2013 e 2014 ha curato le mostre pionieristiche At The Crossroads, che hanno introdotto l'arte contemporanea dal Caucaso e dall'Asia Centrale. Ha inoltre guidato le vendite di arte contemporanea Russa e dell' Eropa dell'Est. Garayeva ha collaborato lungamente con YARAT, curandone il padiglione alla Biennale Internazionale di Fotografia GRID nel 2012 e 2014. Ha anche lavorato a numerose mostre internazionali, come il Padiglione Nazionale dell'Azerbaigian presso la 53° e 54° Biennale di Venezia. Più di recente ha curato l'Evento Collaterale ufficiale di YARAT alla 56° Biennale di Venezia - The Union of Fire and Water. Garayeva ha ricevuto un Master in Filosofia e Politiche Pubbliche da LSE e un Master in Arte Moderna e Contemporanea dall'Università di Glasgow. É membro del Comitato di Acquisizioni dalla Russia e dall'Europa dell'Est alla Tate Modern di Londra.

 
Vasili Tsereteli
VASILI TSERETELI
Russia, Direttore esecutivo del MMOMA - Moscow Museum of Modern Art

Nato nel 1978 a Tbilisi. Nel 1996 si è laureato alla United Nations International School a New York. Ha studiato presso la Parsons School of Design e la School of Visual Arts, dove si è laureato nel 2000. Nel 2012 ha ricevuto un EMBA alla Skolkovo Moscow School of Management. Nel 2002 Vasili Tsereteli è diventato Direttore Esecutivo del Museo d'Arte Moderna di Mosca, fondato nel 1999. Dal 2006 al 2010 Vasili è stato Commissario del Padiglione Russo alla Biennale di Venezia. Vasili Tsereteli è Vice Presidente dell'Accademia Russa delle Arti, membro dell'Unione degli Artisti di Mosca, l'Unione degli Artisti della Russia, membro del Comitato di ICOM, membro di CIMAM, membro del Consiglio per la Cultura del Presidente dello Stato di Duma della Federazione Russa. Vasili Tsereteli è membro della giuria del premio Kandinsky, membro della giuria del Premio Sergei Kuryokhin, membro del comitato organizzatore della Biennale Internazionale di Mosca per la Giovane Arte, art director del Festival Internazionale "Territory", commissario del Ministero della Cultura della Federazione Russa presso le esposizioni internazionali a Venezia. Inoltre Vasili Tsereteli è membro della giuria del concorso letterario interamente russo "Litsled", e membro del Consiglio della Fondazione "Sostegno per bambini e famiglie in difficoltà". Vasili Tsereteli è membro della Camera Pubblica del Distretto Federale Centrale della Federazione Russa. Nel 2012 Vasili Tsereteli è stato insignito della Croce dell'Ordine del Re di Spagna "Per Servizi Civili". Nel 2013 è entrato a far parte del Consiglio Pubblico sotto il Ministero della Cultura della Federazione Russa e del Consiglio del Centro Nazionale per l'Arte Contemporanea. Sempre nel 2013 Vasili ha ricevuto la medaglia di Cirillo e Metodio per il contributo alla conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale slavo. Nel 2015 è diventato Cavaliere dell'ordine francese delle Arti e delle Lettere (Ordre des Arts et des Lettres).

 
Sabrina Van der Ley
SABRINA VAN DER LEY
Norvegia, Direttore del dipartimento di arte contemporanea al Nasjonalmuseet di Oslo

Sabrina van der Ley (nata nel 1967 a Colonia, Germania), ha studiato Storia dell'Arte e letteratura Inglese e Tedesca all'Università di Colonia con una tesi di laurea dal titolo Contemporary Conceptual Wall Drawings. Dopo aver lavorato per diversi anni in gallerie in Germania, Inghilterra e Stati Uniti, dal 1994 al 1997 è stata Managing Director del Gesellschaft für Moderne Kunst am Museum Ludwig (Associazione per l'Arte Contemporanea presso il Museo Ludwig). Nel 1997 si è trasferita a Berlino come curatore della Hoffmann Collection. Dal 2000 al 2008 è stata Direttore Artistico di Art Forum Berlin. Con Markus Richter ha curato le grandi mostre collettive Ideal City—Invisible Cities a Zamość, Polonia e Potsdam, Germania nel 2006 e Megastructure Reloaded a Berlino nel 2008. Accanto all'attività manageriale e curatoriale, Sabrina van der Ley è stata impegnata attivamente nel campo politico-culturale. Dal 2002 al 2004 è stata membro di giuria del Capital Culture Fund Berlin. Nel 2005 ha avviato il Berlin Curators’ Jour-Fixe ed è stata membro del Council for the Arts Berlin e della commissione per le industrie creative del Senatore dell'Economia di Berlino. Nel 2005 ha ricevuto la Gold Cross of Merit dalla Repubblica della Polonia per il suo impegno per il miglioramento delle relazioni Germania-Polonia nel campo dell'arte contemporanea.
Dal dicembre 2008 all'aprile 2011 Sabrina van der Ley è stata Curatore Capo per l'Arte Contemporanea alla Galleria di Arte Contemporanea dell'Hamburger Kunsthalle, dove ha curato le retrospettive dell'artista portoghese Pedro Cabrita Reis (in collaborazione con Carré d’Art, Nimes; Museum M, Leuven; Berardo Collection, Lisbona), dell'artista canadese Rodney Graham (in collaborazione con MACBA, Barcellona e Museum for Contemporary Art Basel) e dell'artista Ungherese Attila Csörgö (in collaborazione con Ludwig Múzeum Budapest e MUDAM Lussemburgo) oltre a una grande mostra personale con wall drawings site-specific di David Tremlett. Ha anche ideato nuove presentazioni della collezione, tra cui All Art has been Contemporary che combinava pezzi della collezione contemporanea con opere selezionate dalle collezioni degli Old Masters, del XIX secolo e del modernismo classico.
Dal maggio 2011 è Director of Contemporary Art al Nasjonalmuseet di Oslo, dove ha curato le mostre “Unfinished Journeys” e “I Wish This Was A Song – Music in Contemporay Art” entrambe nel 2012. Nell'ottobre 2013 aprirà la sua prossima mostra “Inside Outside Architecture”.

 
Simone Verde
SIMONE VERDE
Italia, Storico dell'arte responsabile ricerca scientifica e pubblicazioni dell'agenzia francese France-Muséums, incaricata della creazione del Louvre di Abu Dhabi

Vive attualmente tra Parigi e gli Emirati, dove è responsabile Ricerca scientifica e Pubblicazioni dell'agenzia francese France­Muséums, incaricata della creazione del Louvre di Abu Dhabi. È laureato in filosofia teoretica a Roma, ha conseguito un master in Filosofia Antica a Parigi e si è diplomato in Storia dell’Arte all’École du Louvre di Parigi. Attualmente la sua attività di ricerca riguarda l’antropologia dei Beni Culturali, presso l’EHESS di Parigi. Scrive e ha scritto di arte, cultura e politica estera su Europa, l’Unità, Il Fatto Quotidiano, Il Manifesto. Ha lavorato per l’ufficio di presidenza della Camera dei Deputati, dove si è occupato di Beni Culturali. Da storico dell’arte è curatore e autore per cataloghi e mostre. Nel 2014 ha pubblicato il volume Cultura senza Capitale, presso Marsilio. Negli anni ha collaborato come producer e corrispondente con quasi tutte le tv nazionali francesi e con la radio France Culture. Dal 2010, e per l’arte contemporanea, è uno egli autori del Libro dell’Anno della Treccani. È stato assistente di Antonio Tabucchi di cui ha curato il volume L’oca al passo. Ha tradotto dal francese per gli editori Adelphi, Fazi e Sellerio e ha lavorato come editor per numerose case editrici italiane.

 
Bettina von Dziembowski
BETTINA VON DZIEMBOWSKI
Germania, Direttore della Fondazione Springhornhof & Art Association di Neuenkirchen

Bettina von Dziembowski è direttore della Springhornhof Foundation & Art Association a Neuenkirchen (Bassa Sassonia). Ha maturato la sua prima esperienza come curatore durante i suoi studi di scienze culturali applicate presso l'Università Leuphana a Lüneburg dove è stata uno dei fondatori dello spazio espositivo "Kunstraum" all'Università Leuphana. Ha completato gli studi nel 1995 con un lavoro sui film land art della galleria di video arte Gerry Schum. Questo è stato seguito da periodi di lavoro come curatrice per progetti espositivi ad Amburgo, Palma de Mallorca e al Museo Van Bommel Van Dam a Venlo. Nel 1997 ha prodotto una documentazione sullo sviluppo dei progetti di land art a Neuenkirchen dal 1967. Dal 2000 è direttore della Springhornhof Foundation and Art Association a Neuenkirchen, dove ha curato mostre e progetti site-specific con artisti come Maria Eichhorn, Dan Peterman, Angela Bulloch, Simon Starling, Tony Cragg, Michael Asher, Dragset & Elmgreen, Jeppe Hein, Tue Greenfort e Marjetica Potrc. Un aspetto significativo del suo lavoro riguarda il mutamento delle percezioni artistiche della natura, del paesaggio e dello spazio rurale e il tentativo di creare un dialogo tra paesaggio, arte e pubblico. É Editor per numerose pubblicazioni, membro di diverse giurie ed è tra i promotori della Rete Europea di Land Art ELAN.

RAPPRESENTANTI PREMI SPECIALI

 
ABHISHEK BASU
Managing trustee Basu Foundation for the Arts

Abhishek Basu è a capo delle Relazioni Internazionali della Basu Foundation for the Arts a Calcutta, una fondazione avviata dal bisnonno alla quale ha dato una nuova vita. Egli dirige la giuria di curatori e collezionisti, indiani e internazionali, la quale selezionerà l'artista che sarà scelto per il programma di residenza.

 
Adriano-Berengo
ADRIANO BERENGO
Direttore di Fondazione Berengo

La Fondazione Berengo persegue due obiettivi. Il primo consiste nel dare nuova vita ed energia all'industria del vetro a Murano, così da poter non solo riconquistare, ancora un volta, il suo ruolo di centro di eccellenza mondiale in questo campo, ma da essere anche capace di attirare nuove comunità che contribuiscano al suo successo economico e alla sua sicurezza finanziaria. La seconda aspirazione della Fondazione consiste nell'istruire chi è già interessato all'arte della lavorazione del vetro, di ispirare coloro i quali sono alla ricerca di un nuovo medium per il loro lavoro e di riaffermare la lavorazione del vetro come un'abilità e un mestiere della massima importanza.
Fondazione Berengo mette a disposizione opportunità formative, offrendo in collaborazione con il Premio Arte Laguna, un programma di residenza per artisti del vetro. Lo scopo di tale partnership è quello di istruire e ispirare gli artisti che sono interessati all'arte della produzione del vetro.
Un aspetto di fondamentale importanza in questo progetto, è quello di proiettare l'arte della produzione del vetro su un piano internazionale, dando continuità all'acclamata serie di mostre GLASSTRESS.
Grazie a questo programma di residenza, gli artisti hanno l'opportunità di lavorare in uno dei più prolifici centri di produzione del vetro al mondo, imparando le abilità e le tecniche artigianali della lavorazione del vetro da maestri del mestiere.
La Fondazione mette a disposizione tirocini, corsi brevi e summer school, inoltre organizza conferenze e convegni internazionali, promuove occasioni di ricerca e di finanziamento e celebra il processo di innovazione del vetro in occasione di mostre internazionali.

 
Wu Dar-Kuen
WU DAR-KUEN
Direttore di Taipei Artist Village e Treasure Hill Artist Village

Wu Dar-Kuen è stato capo curatore presso il Kuandu Museum of Fine Arts, Taipei National University of Arts e direttore di VT Artsalon. Oltre ad essere un curatore è anche un artista. Da molto tempo si interessa della creazione e dell'evoluzione dell'arte contemporanea e delle culture asiatiche. Attraverso il suo linguaggio artistico non riflette solamente sulle condizioni sociali degli stati asiatici ma prende in considerazione anche i modi di rappresentare la filosofia dell'”arte senza confini”, considerando l'arte come un mezzo influenzato dalla globalizzazione e dal neoliberalismo. Nella sua lunga e prolifica carriera come artista, le sue opere sono entrate a far parte delle collezioni di molti musei prestigiosi e di molte fondazioni. E' stato anche il curatore di più di cento mostre, tra cui le due Bienniali di Kuandu, Artist in Wonderland (2012) e Recognition System (2014), Republic without People (2011) che è stata ospitata dal Kaohsiung Museum of Fine Arts ed è stato anche il vincitore del Jury’s Special Award del decimo Tai-Shin Arts Awards così come ha svolto i suoi maggiori lavori curatoriali per Asia Anarchy Alliance (2014) presso il Tokyo Wonder Site e per il Kuandu Museum of Fine Arts.

 
open
PAOLO DE GRANDIS
Ideatore e Curatore OPEN | Presidente PDG Arte Communications

CARLOTTA SCARPA
Co-curatrice OPEN | Direttore PDG Arte Communications

FRANCESCA ROMANA GRECO
Responsabile organizzativo OPEN | PDG Arte Communications

OPEN, Esposizione Internazionale di Sculture ed Installazioni è finalizzata all’esposizione di opere d’arte presso gli spazi all'aperto di Venezia Lido, Isola di San Servolo e Molino Stucky parallelamente alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica.
La giuria prende in considerazione sculture ed installazioni ma tale definizione ha valore prevalentemente indicativo e non costituisce una discriminazione. Pertanto, sono considerati lavori attinenti alle finalità di OPEN anche quelli non realizzati con l’utilizzo delle tecniche sopra menzionate a condizione che siano compatibili con l'esposizione all'aperto. I criteri fondamentali di selezione sono: la qualità, l’innovazione e la ricerca sul linguaggio.

 
Jernej Forbici e Marika Vicari
JERNEJ FORBICI
Direttore artistico del Festival internazionale di arti visive Art Stays, curatore d’arte indipendente, artista

MARIKA VICARI
Direttore creativo del Festival Internazionale di Arti Visive Art Stays, curatore, artista

Marika Vicari e Jernej Forbici collaborano personalmente e con Art Stays (giunto oggi alla XIV ed). alla creazione e organizzazione di numerosi eventi e mostre di arti visive e performative in Europa, studiando e lavorando con artisti e curatori internazionali creando eventi legati all’arte, al teatro ed alla musica nonché a conferenze, letture, seminari e laboratori specifici. Collaborano insieme e curano inoltre la programmazione artistico-culturale per la galleria FO.VI di Kidričevo. Lavorano con istituzioni pubbliche e private italiane ed estere alla promozione dell'arte visiva contemporanea. Essi selezionano le nuove proposte tra giovanii artisti, cercando il progetto che più si distingua per innovazione, creatività ed originalità ed offrono la possibilità di realizzarlo e di presentarlo agli occhi del mondo dell'arte contemporanea.

 
Carlo Giordanetti
CARLO GIORDANETTI
Direttore Creativo di Swatch Ltd.

Carlo Giordanetti, Direttore Creativo di Swatch Ltd., è il responsabile della unified brand identity resa possibile attraverso il prodotto, la comunicazione e lo store design ed è anche il responsabile dello sviluppo del The Swatch Art Peace Hotel a Shanghai come elemento strategico del programma del brand.
Precedentemente ha occupato ruoli creativi con Montblanc, Brand DNA e Piaggio tra i tanti.
La selezione verrà effettuata da una commissione internazionale guidata dal CEO del gruppo Swatch Nick Hayek, cercando delle suggestioni emotive e delle idee stimolanti e allo stesso tempo prendendo in considerazione la visione, la biografia e il portfolio degli artisti che si candidano.

 
Luca Giordano
LUCA GIORDANO
Titolare di Deglupta

Luca Giordano giovane imprenditore della provincia di Venezia. L’indole creativa che da sempre lo caratterizza lo spinge a percorrere la strada dell’imprenditoria: dalla passione per l’arte e la moda nasce così Deglupta, un’idea che si trasforma in breve tempo in realtà consolidata. Il progetto parte dalla ricerca di artisti, che dipingono i loro quadri su pellami in seguito cuciti a mano da artigiani qualificati. Il risultato sono borse e accessori, pezzi d’arte unici, pregiati e di prima qualità, frutto di ricerca continua, in grado di esaltare il prestigio del Made in Italy sia nella scelta degli artisti, sia nella selezione delle materie prime utilizzate per la produzione, sia anche nella creazione dei modelli: i tre fattori vengono combinati insieme con scrupolosa precisione, per ottenere così il prodotto vincente.
Deglupta cerca un artista dinamico, dotato di un’apertura mentale che lo spinga a sperimentare stili sempre diversi, per ottenere risultati sempre nuovi per prodotti unici, riconoscibili e all’altezza del mercato.

 
Antonietta Grandesso
ANTONIETTA GRANDESSO
Responsabile Culturale di Spazio Thetis

Spazio Thetis realtà riconosciuta a livello internazionale promuove l’arte contemporanea a “tutto tondo” ed ha contribuito, negli anni, a far conoscere e valorizzare l’Arsenale di Venezia, dotandosi anche di una interessante collezione di opere d’arte contemporanea che si possono apprezzare visitando il suo grande parco. Da diversi anni ha rivolto la sua attenzione verso l’arte ambientale e pubblica lavorando con artisti del calibro di Robert Morris, Beverly Pepper e Michelangelo Pistoletto. Proprio da questo interesse nasce, in collaborazione con Premio Arte Laguna, la nuova sezione di concorso del Premio dedicata all’Arte Ambientale.

 
Isabelle Lesmeister
ISABELLE LESMEISTER
Storica dell'arte, fondatrice della Galeria Isabelle Lesmeister

La mission della galleria di Ratisbona dedicata all'arte contemporanea e fondata nel 2010 dalla storica dell'arte Isabelle Lesmeister è quella di supportare e promuovere giovani artisti nati dopo il 1970 e che lavorano fuori dagli schemi. Il programma mette in mostra diverse forme d'arte, quali pittura, grafica, oggetti, sculture e fotografia, dando al contempo particolare enfasi a un linguaggio pittorico innovativo e a tecniche straordinarie. Grande valore è attribuito ad un approccio storico pressocchè ovvio seguito dagli artisti nei loro lavori. Nella selezione degli artisti, l'idea, la tecnica, l'estetica e il tema dell'opera d'arte sono dei criteri molto importanti per la galleria.

 
Nil Nuhoglu
NIL NUHOGLU
Fondatrice di Gaia Gallery

Gaia Gallery è stata fondata nell'ottobre del 2014 in uno dei più esclusici edifici di Istiklal Avenue, l'Elhamra Arcade. La fondatrice della galleria, Nil Nuhoglu, dopo essersi laureata all'Università di Birmingham in Storia dell'Arte e della Filosofia, ha creato uno spazio per costruire una piattaforma d'arte con lo scopo di presentare diverse discipline e tematiche. Il principale obbiettivo di Gaia Gallery è scoprire nuovi artisti da tutto il mondo ed introdurli nella scena artistica locale così come quello di aiutare gli artisti locali ad entrare nei canali di comunicazione globale. Gaia Gallery ha lanciato una editions section ad ottobre 2015 chamata Gaia Editions, il cui scopo è quello di introdurre ed educare i giovani collezionisti ed aiutarli ad entrare in contatto con i giovani artisti, aiutandoli a creare una collezione con il loro proprio stile.

 
Ivy Peng
IVY PENG
Direttore Esecutivo di Art Nova 100

Ivy Peng ha studiato Museologia presso la China Central Academy of Fine Arts, ha lavorato per la Beijing Highlight Gallery e per il China Modern & Contemporary Art Document Research Center (CCAD). Ha lavorato come editore nel settore dell'arte ed è stata curatrice di diverse mostre. Oggi è il direttore generale del Beijing Mingtai Culture & Art. É il direttore esecutivo di Art Nova 100 che è nato cinque anni fa per aiutare i giovani artisti a crescere assieme in una nuova e sana prospettiva considerando il fatto che essi rappresentano il futuro e le possibilità in esso. Art Nova 100 apprezza quegli artisti che hanno una loro individualità e delle proprie idee originali, quelli che sono in costante evoluzione e sviluppo e i cui pensieri e riflessioni si riflettono nelle loro opere.

 
Maurizio Riva
MAURIZIO RIVA
Presidente di Riva 1920

Maurizio Riva, classe 1954, si è diplomato presso la Scuola d’arte di Cantù ed entra giovanissimo nell’azienda condotta dal padre ed avviata dal nonno, specializzata nella produzione di mobili in legno massello. Ideatore e promotore di importanti progetti che collegano la realtà del legno e dell’imprenditoria a quelle dell’arte, dell’architettura, del design e anche al mondo della coscienza sociale e della sostenibilità. Da sempre vicino al mondo dei giovani designer ed artisti, è alla costante ricerca di nuove idee che sappiano interpretare la filosofia aziendale che mette il legno al centro della progettazione.

 
Fernando Santos
FERNANDO SANTOS
Fondatore e Direttore di Galeria Fernando Santos

Nel 1993 Fernando Santos fonda Galeria Fernando Santos a Porto e ciò segna l'inizio del processo attraverso il quale Rua Miguel Bombarda diventa una strada dedicata alle gallerie d'arte. Collaborando con il Premio Arte Laguna, la galleria è alla ricerca di nuove forme di espressione artistica (che vanno oltre l'ordinario) come video, performance e installazioni. Essa valorizza anche le opere capaci di raggiungere culture diverse, cioè opere create da artisti il cui contesto culturale è molto diverso da quello in cui la galleria è inserita ma che allo stesso tempo siano capaci di essere comprese. La galleria cerca artisti le cui opere possano potenziare la loro carriera artistica e che permetta alla galleria di organizzare mostre significative in musei e prestigiosi spazi istituzionali in linea con la loro filosofia allestitiva.

 
Ksenia Serdyuk
KSENIA SERDYUK
Fondatrice e proprietaria di ART re.FLEX Gallery

Ksenia Serdyuk nasce nel 1985 a Severodvinsk. Nel 2007 si laurea in Storia dell'Arte alla St. Petersburg State University con una tesi sull'Arte Europea dal 17° al 19° secolo. Nel 2013 frequenta alcuni corsi presso il Sotheby’s Institute of Art di New York. A partire dal 2004, Ksenia Serdyuk incentra la sua attività sull'arte contemporanea e lavora presso una galleria. Nel 2006, con suo padre, il collezionista d'arte Fedor Serdyuk, fonda la galleria d'arte contemporanea ART re.FLEX. Da allora, gestisce le mostre presso gli spazi della Galleria così come i progetti russi e internazionali di ART re.FLEx a San Pietroburgo, Mosca e all'estero. Nel 2014, la Galleria diventa partner del Premio Arte Laguna.
ART re.FLEX seleziona l'artista vincitore del Premio Speciale "Artist in Gallery" basandosi sulla passione per l'arte e sulla propria filosofia. La Galleria ha l'obiettivo di supportare e mettere in mostra opere d'arte contemporanea di alto livello prodotte da artisti internazionali emergenti e già affermati che lavorano su vari supporti.

 
Savina Tarsitano e Holger Sprengel
SAVINA TARSITANO
Responsabile della pratica curatoriale dei programmi artistici a livello internazionale ed europeo di Espronceda

HOLGER SPRENGEL
Responsabile delle relazioni esterne e co-fondatore di Espronceda.

Savina Tarsitano, artista visiva, curatrice, ricercatrice con esperienza decennale nel campo artistico con università, fondazioni, istituti di cultura, ambasciate in Europa e Asia.
Holger Sprengel, collezionista d’arte, con un’esperienza pluridecennale in creazione d’impresa.
L’arte oggi pone complessi interrogativi sul dialogo tra l’artista il territorio, lo spazio urbano e naturale, in questa ottica essi si interessano come l’artista s’interroga sullo spazio sia esso tangibile e intangibile, come la sua ricerca artistica dialoghi tra identità culturale, modernità e tradizioni, tra periferia e centro, passato e presente, e come essa interagisca, sfida o integra l’estetica dello spazio nella sua opera. I linguaggi possono variare dalla fotografia, installazioni, video, pittura e scultura.

 
Matteo Visconti di Modrone
MATTEO VISCONTI DI MONDRONE
Presidente della Fonderia Artistica Battaglia

La collaborazione con il Premio Arte Laguna è nata per supportare i giovani artisti nella ricerca creativa, applicando alla millenaria tecnica della fusione in bronzo a cera persa, una sperimentazione quotidiana e dinamica.
Con una crescente squadra di giovani, la Fonderia Battaglia apre le porte agli artisti offrendo uno studio ed assistenza per creare un'opera che sappia comprendere i potenziali tecnici del processo e portarli ai confini della contemporaneità.