Randalf Dilla | Glo’Art Residency

Randalf DillaRandalf Dilla


12 Marzo 2019

“I miei dipinti iperrealisti raffigurano una vasta gamma di temi, dall'esperienza personale all'osservazione, con un tocco sottile di elementi culturali, storici e politici”.

Randalf Dilla (Filippine, 1986), vincitore del programma Art Residencies della 12a Edizione del Premio Arte Laguna, sta finendo in questi giorni la sua residenza di un mese presso GLO'ART (Lanaken, Belgio). Immerso in questo contesto stimolante, l'artista ha avuto l'opportunità di riflettere sull'uso dei nuovi media nelle arti e ha iniziato a creare una nuova e potente serie di dipinti.

La residenza Glo'Art è stata un'opportunità per Randalf di migliorare il suo approccio basato sulla ricerca e arricchire le sue capacità tecniche, abbinando l'auto-riflessione ad una visione più pratica sui percorsi artistici contemporanei: "Questa è una possibilità per me di connettermi e sapere di più da altri artisti, per capire come vivono e sostengono le loro carriere artistiche. Allo stesso tempo è anche un buon momento per sperimentare ed esplorare l’uso di altri media nella mia arte".

Nelle prolifiche settimane passate al centro GLO'ART, l'artista si è concentrato sullo sviluppo di una nuova direzione nella sua arte: "Qui a Glo'Art, il luogo è favorevole alla creatività. Posso dire che è una combinazione di atelier e galleria d'arte, sia al chiuso che all'aperto, che permette di confrontarci anche con le opere degli artisti che hanno passato un periodo di residenza negli anni scorsi. Ci sono studi separati per scultura, fotografia e pittura. Questa residenza artistica fornisce tutto ciò di cui abbiamo bisogno per poter investire le nostre energie nel processo creativo". È in questo spirito che Randalf ha iniziato a lavorare su una nuova e potente serie di dipinti. In uno dei quadri, "Catastrophic Wind", l'artista sublima attraverso forti allegorie sia le conseguenze individuali che collettive dei tifoni che hanno colpito il suo paese d’origine: "Le Filippine sono uno dei paesi più vulnerabili al mondo. Ogni anno abbiamo circa 20 tifoni e centinaia o talvolta migliaia di vittime. Il dipinto a cui sto lavorando mostra la difficoltà di sopravvivere ad un forte tifone, specialmente per le zone più povere che di solito sono le più colpite. Le persone abbracciano le loro famiglie o qualsiasi altra cosa per sopravvivere a venti forti e inondazioni improvvise. I strappi dei vestiti simboleggiano i poveri e il passero – che è un tipico uccello delle Filippine – simboleggia il mio paese ".

La residenza artistica di Randalf Dilla a GLO'ART finisce il 13 marzo, concludendo un mese produttivo, un flusso continuo di creatività e introspezione produttiva.

Scopri Glo'Art >